PAGINE COLLEGATE

Organizzazione

La Direzione tecnica del Centro è affidata dal 2017 al dottor Raffaele Bove, Dirigente Medico Veterinario UOC/IAPZ – ASL Salerno, con il compito di programmare, pianificare e monitorare le attività del Centro, di concerto con i referenti delle Asl, secondo gli indirizzi del Nucleo di Coordinamento, anche con l’ausilio di altri organi o enti.

Al Centro afferiscono quattro Aree funzionali per ognuna delle quali è nominato un responsabile e che rispondono nel proprio operato al Direttore tecnico: 

– Area “Attività di formazione, documentazione e ricerca sulle attività di Previsione, Prevenzione e Gestione delle Emergenze”
– Area “Formazione, informazione e ricerca applicata”
– Area “Assistenza tecnico-scientifica”
– Area “Emergenza api ed insetti impollinatori”

Aree funzionali

La Direzione di questa Area è affidata ad un referente nominato dal Presidente della Fondazione MIDA, nello specifico l’esperto di comunicazione, dottor Salvatore Medici. 

La Fondazione organizza e gestisce un “Centro di Documentazione nel campo delle emergenze non epidemiche” e mette a disposizione del CERVENE la sede del Centro di documentazione ad Auletta, l’Auditorium MIDA 01 a Pertosa in piazza De Marco per convegni, corsi di formazione ed eventi vari e il centro di ricerche sui terremoti e sul dopo sisma, dotato di biblioteche specializzate, archivi con banca dati e mostre didattiche-divulgative attraverso l’Osservatorio permanente sul Doposisma, che nel suo ambito ha una sezione sulla Disastrologia Veterinaria.

L’area garantisce:

  • adeguata formazione del personale dei Servizi Veterinari delle AASSLL e delle altre strutture operative del servizio nazionale di protezione civile sui temi della attività di Previsione, Prevenzione e Gestione delle Emergenze;
  • lo sviluppo di modelli di gestione del rischio nell’ambito delle attività di Previsione, Prevenzione e Gestione delle Emergenze.

La Direzione di questa Area è affidata al Professor Luigi Esposito, docente del Dipartimento di Medicina Veterinaria e Produzioni Animali individuato dal Direttore del Dipartimento di Medicina Veterinaria e Produzioni Animali dell’Università Federico II di Napoli, con le seguenti attività:

  • definizione di progetti di ricerca scientifica e di nuove tecnologie applicate al campo delle emergenze non epidemiche, in particolare sulla Business Continuity Management (BCM, o Gestione della Continuità Operativa);
  • implementazione di un Master o di un Corso di perfezionamento sui temi delle emergenze non epidemiche;
  • sviluppo di modelli di gestione del rischio nell’ambito delle attività di Previsione, Prevenzione e Gestione delle Emergenze;
  • predisposizione di programmi di formazione del personale del Servizio Sanitario Regionale, delle professioni sanitarie, del volontariato e delle altre strutture operative del servizio nazionale di protezione civile sulle attività per la sicurezza alimentare, la salute ed il benessere degli animali nelle emergenze, in collaborazione con l’IZSM di Portici e la Fondazione MiDA;
  • partecipazione a bandi di ricerca (Regionali, Nazionali, Comunitari o Organismi Internazionali) nel campo delle attività di Previsione, Prevenzione e Gestione delle Emergenze

La Direzione di questa Area è affidata alla dottoressa Loredana Baldi, Dirigente Veterinario dell’Istituto Zooprofilattico, individuata dal Direttore Generale dell’Istituto Zooprofilattico, con le seguenti attività:

  • creare sinergie/collegamenti con il Sistema Complesso di Protezione Civile (Comunale, Provinciale, Regionale e Nazionale) anche con specifiche intese;
  • definizione di progetti di ricerca scientifica e di nuove tecnologie applicate al campo delle emergenze non epidemiche, in particolare sulla Business Continuity Management (BCM, o Gestione della Continuità Operativa);
  • gestione delle esercitazioni e della formazione alle AA.SS.LL.;
  • collaborazione con la Protezione Civile per la definizione di carte geografiche di rischio condivise;
  • collaborazione con altri Enti;
  • predisposizione di procedure documentate e manuali;
  • creare collaborazioni i Centri, Fondazioni, Associazioni, Società scientifiche che lavorano nel campo della previsione e prevenzione dei rischi;
  • progettare e gestire le esercitazioni regionali nello specifico campo di attività e partecipare alle esercitazioni organizzate dal sistema complesso di Protezione Civile;
  • promuove attività sulla Comunicazione dei rischi;
  • partecipare a bandi di ricerca (Regionali, Nazionali, Comunitari o Organismi Internazionali) nel campo delle attività di Previsione, Prevenzione e Gestione delle Emergenze;
  • mettere in atto ogni altra utile attività attinente le emergenze non epidemiche.

La Direzione di questa Area è affidata alla docente Paola Maiolino del Dipartimento di Medicina Veterinaria e Produzioni Animali dell’Università degli Studi di Napoli “Federico II”, con le seguenti attività:

  • promuovere modifiche ed integrazioni della normativa regionale in materia di apicoltura;
  • promuovere il riconoscimento dell’Apicoltura come “Servizio Ecosistemico” oltre che agronomico;
  • svolgere formazione continua e aggiornamento professionale in apicoltura, con la collaborazione attiva delle Associazioni specifiche (veterinari ed apicoltori) ed organizzazioni nazionali ed internazionali che si occupano della difesa del patrimonio degli impollinatori;
  • creare sinergie/collegamenti con Assessorato Agricoltura e Dipartimenti di Prevenzione per l’uso corretto dei pesticidi;
  • creare collaborazioni con il “Centro di Riferimento nazionale per l’apicoltura” istituito preso l’IZS delle Venezie;
  • organizzare lezioni teoriche e pratiche regionali;
  • predisporre protocolli operativi per la gestione degli spopolamenti e morie delle api
  • realizzare progetti di ricerca specifici sulle malattie dell’alveare e sui casi di morte improvvisa e di spopolamento degli alveari.
Torna in alto
Skip to content